I pavimenti laminati hanno avuto il più alto livello di crescita e diffusione nell'ultimo decennio grazie anche ai costi contenuti e alla facilità di posa in opera.
Questo tipo di pavimento è realizzato a partire da una base di conglomerato ligneo al di sopra del quale viene pressofusa una pellicola che ricrea minuziosamente l'essenza lignea desiderata (o altra texture) che viene poi rivestita da una pellicola, sottile e allo stesso tempo resistente, di vari ossidi e resine melaminiche. La lista così ottenuta viene controbilanciata nella parte inferiore per garantire stabilità nel tempo.
Una volta ottenuta questa lista omogenea e resistente si procede a creare il sitema di aggancio che è costituito da fresature ad incastro che permettono alle varie liste di laminato di unirsi per rivestire superfici di ogni tipo. Il pavimento laminato, infatti, può essere posto in opera su pavimenti preesistenti, su moquette, massetti grezzi, marmo etc.
Esistono in commercio vari tipo di pavimento laminato a seconda dell'impiego che ne va fatto ragion per cui non è sempre saggio scegliere un prodotto a basso costo in quanto spesso ci si trova di fronte ad un grado di resistenza all'abrasione basso, a spessori esigui, a substrati che non garantiranno una buona riuscita del pavimento stesso.